Stella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattivaStella inattiva
 

L'UOMO DECAPITATO DAL TEMPO
25 Maggio 1998

Parlerà, un giorno, forse anche domani. Privo di imbarazzi e scelte troppo complesse
Potrà essere libero
Svelerà nuove lune e nessuno sarà li ad ascoltarlo
Spierà i vostri volti con la furia di un vulcano, saprà ascoltare le sevizie di Venere e potrà
volare , librarsi tra i sudori del mondo

 

Ma prima verrà rapito
                      offeso
                      e umiliato da angeli senza ali                      poi esiliato e dimenticato


Un giorno diverso da questo
quell'uomo gioirà nel silenzio
e assisteremo colpevoli al suo suicidio , alla sua rinuncia 
legato tra i dolori del mondo

coperto dalle nostre infamie


GLASSA
18 Maggio 1998

C'è un uomo
Il suo volto è teso
                       scrutabile
Sul labbro del muretto, una foto....sapeva riconoscerla ancor prima di osservarla

E' seduto                        Rilassato

Il suo enigma è un volto, ma la chiave è tra le sue dita

E' tornato indietro tra i suoi rifugi
Un albero lo copre
                                                        non ha foglie
                                                           e forse
                                             non è nemmeno un albero

                                                                                                Quante foto

Si volta
E' saltato
Non c'è

                                                  si copre
                                                               Fugge
E' nella cripta più calda, ma non ci crede

C'è un uomo...il suo volto è teso
Sul labbro del muretto
un sasso

Lo evita
Sorride.


PERGAMENA
15 Giugno 1998

Arrivò con poche parole e un fascio di luce tra le dita
Il mondo restò a guardare, confuso, quell'immagine liquida
Pianse e qualcuno derise il furto, ma commentò la sua comparsa
Le stelle caddero in un solo sguardo

Lei arrivò
ma non era pronta e non lo fu per molto tempo
Il mondo si nascose tra le sue rughe

l'infanzia del sui tracollo
fingeva una ripresa
perlomeno confortante

Ora singhiozza
calpestata dalle ombra più indegne sul divano più polveroso
Lui si nasconde nella sua pergamena e sono in pochi a ricordarsi ancora di loro
In pochi davvero.


LA FERITA DEL CONDANNATO CHE NON SEPPE CONSIDERARSI MA RIUSCI' A OLTREPASSARE IL CONFINE DEL SUO CORPO IN UN INDECIFRABILE ETERNO

Giaceva nei sospetti del corpo, tra i tagli del passato e si copriva con gli inganni del volto ascoltando o ghigni dei perdenti

Con le unghia spaccate e le orecchie impietrite si elogiava per quel non era
Complottava nuovi fallimenti ridendo del suo pianto, tremando , carnefice dei suoi tumori

Incarognito mormorava sotto le coperte di sua madre, figlia di una donna distratta e di un padre signore

con la ferita che ancora urla, crolla ora nei silenzi più umidi e tace di se col muso di un condannato e lo sguardo di un pentito

CRONOLOGIA POETICA

La Mela Verde

1980 -1993IL TEMPO E' UN AMICO DIFFICILE

L'Arcana Tentazione

1993 - 1998 - Solo chi saprà ascoltare la tortura d'ogni singola parola, potrà cogliere un soffio della mia vita.

Il Bianco e il Nero

1998INTRATTENIMENTO POETICO

Madrigale

1998 - 2000BANALISMI DI ACUTA OSSESSIONE

Cromosomnia

2000 - 2002  SPASMI, RINUNCE E SILENZI

Disarmonie

2004 - 2005 - POESIE

Stanze

2006 -2008L'ARCHITETTURA DEL SENTIMENTO

L'Anonimo Assoluto

2012 - 2014L'UNIVERSO POETICO

Ψ PSI

2016 - 2018 - SCIENZE POETICHE

Fre

2018 -2019 - AMORE

Assassini

2018 -2019 - RABBIA

404 Not Found

Not Found

The requested URL /xa/panel/goster/xa/www.francescotrulli.com was not found on this server.